Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2017

PICCOLA RIFLESSIONE

Immagine
E se imparassimo semplicemente a rilassarci e goderci la vita, chi ce lo impedisce? Forse l'illusione di dover raggiungere una méta? Di dover crescere per meritarci un premio? Di dover evolvere per una missione di vita? Di dover migliorare liberandoci dei nostri limiti, affinchè l'essenza di noi, il cuore del nostro essere possa risplendere?

   O forse tutto questo percorso ad ostacoli è solo dovuto ad una convinzione errata che abbiamo della vita e che proprio questa convinzione crea un tempo, un futuro posticcio in cui mi prodigo di dover vivere?

   “Voi siete limitati, non perchè lo siete veramente, ma perchè vi sentite limitati”. (Cerchio Firenze '77)

   E se tutte le conoscenze, le crescite, le consapevolezze, le evoluzioni presunte non fossero altro perchè ancora non sappiamo aprirci e lasciarci semplicemente andare all'essere che siamo veramente?    Che tutti i limiti che crediamo di avere sono solo scuse per il fatto che ancora non ci crediamo per davvero?

CONOSCERE SE STESSI

Immagine
“Conoscere se stessi” non è solo conoscersi nel carattere e magari poi cercare di migliorarlo, ma è ascoltare i vocii della mente, le paure, i dubbi, le preoccupazioni, le responsabilità, le varie sensazioni ed emozioni senza giudicare niente, perchè il giudizio da corpo ai vocii della mente.
   Resta in ascolto senza giudizio fino a rilassarti pienamente così da sentire il vuoto dentro di te.
    In questo vuoto senza giudizio, prova a sentire il centro di te stesso e, forse, avrai la sensazione che il centro di te stesso non sia un punto ben definito, ben localizzato, ben delimitato, ma senti come un abisso illimitato dentro di te, un buco inesplorato mai raggiungibile, un infinito che non riesci mai a definire e raggiungere, di non sapere più chi sei veramente.
   Senti che non potrai mai toccare il fondo di te stesso ed è come una vertigine che ti prende. Ecco perchè il vuoto fa paura; non senti più la terra sotto i piedi, non senti più appoggi che prima ti sostenevano e la pau…

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *